Marcello Bartalini, un campione dimenticato dal Grande Ciclismo

Tra le tante foto e rassegne stampa, ho trovato un bell'articolo sull'amico e grande campione di ciclismo Marcello Bartalini.
Sempre disponibile ad aiutare i compagni e lanciarli nelle volate, "marcellone" come lo chiamo io, è stato oltre che un grande cronoman un ciclista di temperamento e classe. Doti che gli ha permesso di vincere grandi corse in linea anche in salita come a Gambassi, oppure il campionato Italiano dilettanti su strada a S.Pietro Belvedere, e di aver abbattuto il muro dei 50 km/h della 100km a squadre con la conquista dell’ORO Olimpico di Los Angeles in compagnia di Giovannetti, Poli e Vandelli..


Sempre allegro e pronto allo scherzo e alla battuta (ricordo come fosse ieri sera quando si travertì da prostituta e si posizionò sotto un lampione a Viareggio) Marcello è un uomo di cuore e di bontà.
Terminata la carriera iniziò a costruire il suo futuro aprendo una grande palestra per poi proseguire come comico e adesso grande esperto matematico del gioco del lotto.

Un peccato che persone di grande esperienza e integrità morale come Marcello siano state dimenticate dal grande ciclismo. Cercherò, nel mio piccolo, di riportarlo in gruppo per apportare la sua esperienza nel ciclismo contemporaneo insieme alla sua inimitabile simpatia.

Walter Pettinati


Stampa   Email