La Corte d'Appello condanna Wout van Aert a risarcire la Sniper Cycling con 662.000 euro

La Corte d'Appello condanna Wout van Aert a risarcire la Sniper Cycling con 662.000 euro

Wout van Aert è stato condannato a pagare alla Sniper Cycling, la sua ex squadra guidata da Nick Nuyens, 662.000 euro dopo essere stato dichiarato colpevole di violazione del contratto. 
C'è una clamorosa svolta nella lunga battaglia legale, la prima decisione del tribunale del lavoro che aveva scagionato Van Aert è stata ribaltata mercoledì dalla Corte d'appello. L'ultima sentenza rappresenta una sorta di via di mezzo, poiché gli avvocati di Nuyens avevano chiesto un risarcimento di 1,2 milioni di euro quando Van Aert se ne andò e si unì alla Jumbo Visma solo dopo cinque mesi.

Il processo potrebbe non finire qui, con Van Aert che ruggisce di impugnare la decisione e di volersi rivolgere alla Corte di Cassazione.

Nuyens, ex vincitore di un Giro delle Fiandre e ai tempi responsabile di Sniper Cycling, ha intrapreso un'azione legale contro Van Aert per violazione del contratto. La difesa del campione, ha affermato che c'era "un motivo urgente" tale da giustificare la sospensione, accusando Nuyens di aver costretto l'allenatore Niels Albert a firmare una dichiarazione incriminante su di lui mentre i rapporti si deterioravano.

"Wout mi ha chiesto di indagare sulla possibilità di andare in Cassazione", ha detto Van Steenbrugge. "Questa ultima soluzione è ancora aperto e ci aspettiamo che la Cassazione abbia l'ultima parola su questa vicenda".


Stampa   Email