Dubbi sulla regolarità del nastro kinesiologico usato dai danesi

Dubbi sulla regolarità del nastro kinesiologico usato dai danesi

La squadra di inseguimento danese sta usando il nastro kinesiologico alle Olimpiadi per eludere le regole dell'UCI? Il nastro kinesiologico sugli stinchi dei ciclisti potrebbe aiutare le prestazioni aerodinamiche.
Per il turno di qualificazione dell'inseguimento a squadre maschile di oggi, tutti gli occhi erano puntati sulla favorita Danimarca che ha rispettato le aspettative, chiudendo i 4 km in 3:45.014 senza però abbattere il record del mondo di 3'44"672 da loro ottenuto (Lasse Norman Hansen, Julius Johansen, Rasmus Pedersen, Frederik Rodenberg) a Berlino il 27/02/2020.


L'attenzione è stata attirata anche dalla parte anteriore degli stinchi dei corridori dove era ben visibile una striscia di nastro kinesiologico esteso fino a poco sotto il ginocchio.

Il nastro kinesiologico non è raro nello sport professionistico. Viene regolarmente utilizzato per aiutare con il supporto di muscoli e articolazioni in caso di infortunio o squilibrio, ma in questo caso, lo stesso nastro è stato applicato a entrambe le gambe di tutti e quattro i ciclisti. Una casualità che insospettisce i più attenti esperti del settore: possibile che tutti e quattro i ciclisti danesi avessero il solito problema muscolare?

Casualmente, il posizionamento del nastro fungerebbe anche da trip strip, creando turbolenze all'aria in transito, aiutandola a rimanere più a lungo attaccata alla superficie della gamba e migliorando di conseguenza le prestazioni aerodinamiche dei ciclisti.

Il team danese è supportato dall'esperto di aerodinamica Dan Bigham, che ha la reputazione di trovare miglioramenti delle prestazioni attraverso il progresso aerodinamico e tecnologico. Così si potrebbe credere che questo sia un uso tattico del nastro kinesiologico, piuttosto che per uso medico.

Il regolamento dell'UCI in materia prevede che: “I capi di abbigliamento non possono modificare la morfologia del corridore ed è vietato qualsiasi elemento o dispositivo non essenziale, il cui scopo non sia esclusivamente quello di abbigliamento o di protezione. Ciò vale anche per quanto riguarda qualsiasi materiale o sostanza applicata sulla pelle o sugli indumenti e che non sia di per sé un capo di abbigliamento".

Fonte cyclingnews.com


Stampa   Email