Mercoledì, 19 Dicembre 2018

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

domenica 8 luglio 2018 - tappa 2 -


Mouilleron-Saint-Germain / La Roche-sur-Yon 182,5 km (totale distanza coperta Km. 383,5)

classifica generale:

 


 

1 Peter Sagan (SVK) Bora - Hansgrohe 8:29:53 B : 16''
2 Fernando Gaviria Rendon (COL) Quick Step Floors 0:06 B : 10''
3 Sonny Colbrelli (ITA) Bahrain - Merida 0:10 B : 6''
4 Marcel Kittel (GER) Katusha - Alpecin 0:12 B : 3''
5 Sylvain Chavanel (FRA) Direct Energie 0:13 B : 2''
6 Philippe Gilbert (BEL) Quick Step Floors 0:14 B : 1''
7 Geraint Howell Thomas (WAL) Sky Professional Cycling Team 0:15 B : 1''
8 Oliver Naesen (BEL) AG2R - La Mondiale 0:15 -
9 Alexander Kristoff (NOR) UAE Team Emirates 0:16 -
10 John Degenkolb (GER) Trek - Segafredo 0:16 -
11 Timothy Dupont (BEL) Wanty - Groupe Gobert 0:16 -
12 Bob Jungels (LUX) Quick Step Floors 0:16 -
13 André Greipel (GER) Lotto - Soudal 0:16 -
14 Andrea Pasqualon (ITA) Wanty - Groupe Gobert 0:16 -
15 Jasper Stuyven (BEL) Trek - Segafredo 0:16 -
16 Julian Alaphilippe (FRA) Quick Step Floors 0:16 -
17 Jakob Fuglsang (DEN) Astana 0:16 -
18 Dylan Groenewegen (NED) Lotto NL - Jumbo 0:16 -
19 Greg Van Avermaet (BEL) BMC Racing Team 0:16 -
20 Tom Dumoulin (NED) Sunweb 0:16 -
21 Alejandro Valverde Belmonte (ESP) Movistar 0:16 -
22 Vincenzo Nibali (ITA) Bahrain - Merida 0:16 -
23 Romain Bardet (FRA) AG2R - La Mondiale 0:16 -
24 Rafal Majka (POL) Bora - Hansgrohe 0:16 -
25 Warren Barguil (FRA) Fortuneo - Oscaro 0:16 -
26 Mark Cavendish (GBR) Dimension Data 0:16 -
27 Bauke Mollema (NED) Trek - Segafredo 0:16 -
28 Edvald Boasson Hagen (NOR) Dimension Data 0:16 -
29 Ilnur Zakarin (RUS) Katusha - Alpecin 0:16 -
30 Rigoberto Uran Uran (COL) EF Education First - Drapac 0:16 -
31 Kristijan Koren (SLO) Bahrain - Merida 0:16 -
32 Laurent Pichon (FRA) Fortuneo - Oscaro 0:16 -
33 Mikel Landa Meana (ESP) Movistar 0:16 -
34 Dion Smith (NZL) Wanty - Groupe Gobert 0:16 -
35 Lilian Calmejane (FRA) Direct Energie 0:16 -
36 Rudy Molard (FRA) Groupama - FDJ 0:16 -
37 Tiesj Benoot (BEL) Lotto - Soudal 0:16 -
38 Steven Kruijswijk (NED) Lotto NL - Jumbo 0:16 -
39 Thomas Boudat (FRA) Direct Energie 0:16 -
40 Primoz Roglic (SLO) Lotto NL - Jumbo 0:16 -
41 Daniel Martin (IRL) UAE Team Emirates 0:16 -
42 Søren Kragh Andersen (DEN) Sunweb 0:16 -
43 Reinardt Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:16 -
44 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team 0:16 -
45 Gorka Izagirre Insausti (ESP) Bahrain - Merida 0:16 -
46 Daniel Oss (ITA) Bora - Hansgrohe 0:16 -
47 Anthony Turgis (FRA) Cofidis 0:16 -
48 Rick Zabel (GER) Katusha - Alpecin 0:16 -
49 Edward Theuns (BEL) Sunweb 0:16 -
50 Jens Keukeleire (BEL) Lotto - Soudal 0:16 -
51 Romain Hardy (FRA) Fortuneo - Oscaro 0:16 -
52 Michael Valgren Andersen (DEN) Astana 0:16 -
53 Dmitriy Gruzdev (KAZ) Astana 0:16 -
54 Michael Matthews (AUS) Sunweb 0:16 -
55 Taylor Phinney (USA) EF Education First - Drapac 0:16 -
56 Marcel Sieberg (GER) Lotto - Soudal 0:16 -
57 Christophe Laporte (FRA) Cofidis 0:16 -
58 Ariel Maximiliano Richeze Araquistaín (ARG) Quick Step Floors 0:16 -
59 Ramon Sinkeldam (NED) Groupama - FDJ 0:16 -
60 Nils Politt (GER) Katusha - Alpecin 0:16 -
61 Julien Simon (FRA) Cofidis 0:16 -
62 Heinrich Haussler (AUS) Bahrain - Merida 0:38 -
63 Axel Domont (FRA) AG2R - La Mondiale 0:40 -
64 Toms Skujins (LAT) Trek - Segafredo 0:40 -
65 Oliviero Troia (ITA) UAE Team Emirates 0:48 -
66 Timo Roosen (NED) Lotto NL - Jumbo 0:50 -
67 Thomas Scully (NZL) EF Education First - Drapac 0:50 -
68 Pavel Kochetkov (RUS) Katusha - Alpecin 0:56 -
69 Marcus Burghardt (GER) Bora - Hansgrohe 0:58 -
70 Julien Vermote (BEL) Dimension Data 0:58 -
71 Simon Clarke (AUS) EF Education First - Drapac 0:58 -
72 Marco Marcato (ITA) UAE Team Emirates 0:58 -
73 Amaël Moinard (FRA) Fortuneo - Oscaro 0:58 -
74 Maciej Bodnar (POL) Bora - Hansgrohe 0:58 -
75 Magnus Cort Nielsen (DEN) Astana 0:58 -
76 Michael Gogl (AUT) Trek - Segafredo 0:58 -
77 Lukas Pöstlberger (AUT) Bora - Hansgrohe 0:58 -
78 Omar Fraile Matarranz (ESP) Astana 0:58 -
79 Richie Porte (AUS) BMC Racing Team 1:07 -
80 Pierre Rolland (FRA) EF Education First - Drapac 1:07 -
81 Adam Yates (GBR) Mitchelton - Scott 1:07 -
82 Koen De Kort (NED) Trek - Segafredo 1:07 -
83 Marco Minnaard (NED) Wanty - Groupe Gobert 1:07 -
84 Chris Froome (GBR) Sky Professional Cycling Team 1:07 -
85 Guillaume Martin (FRA) Wanty - Groupe Gobert 1:07 -
86 Arthur Vichot (FRA) Groupama - FDJ 1:07 -
87 Robert Kiserlovski (CRO) Katusha - Alpecin 1:07 -
88 Laurens Ten Dam (NED) Sunweb 1:07 -
89 Domenico Pozzovivo (ITA) Bahrain - Merida 1:07 -
90 Tanel Kangert (EST) Astana 1:07 -
91 Antwan Tolhoek (NED) Lotto NL - Jumbo 1:07 -
92 Maxime Bouet (FRA) Fortuneo - Oscaro 1:07 -
93 Rein Taaramäe (EST) Direct Energie 1:07 -
94 Kristijan Durasek (CRO) UAE Team Emirates 1:07 -
95 John Darwin Atapuma Hurtado (COL) UAE Team Emirates 1:07 -
96 Julien Bernard (FRA) Trek - Segafredo 1:07 -
97 Jon Izagirre Insausti (ESP) Bahrain - Merida 1:07 -
98 Nicolas Edet (FRA) Cofidis 1:07 -
99 Daryl Impey (RSA) Mitchelton - Scott 1:07 -
100 Roberto Ferrari (ITA) UAE Team Emirates 1:18 -
101 Mark Renshaw (AUS) Dimension Data 1:20 -
102 Serge Pauwels (BEL) Dimension Data 1:20 -
103 Mathias Frank (SUI) AG2R - La Mondiale 1:20 -
104 Thomas Degand (BEL) Wanty - Groupe Gobert 1:28 -
105 Romain Sicard (FRA) Direct Energie 1:28 -
106 Mikel Nieve Iturralde (ESP) Mitchelton - Scott 1:30 -
107 Egan Arley Bernal Gomez (COL) Sky Professional Cycling Team 1:31 -
108 Nairo Alexander Quintana Rojas (COL) Movistar 1:31 -
109 Andrey Amador Bipkazacova (CRC) Movistar 1:31 -
110 Daniele Bennati (ITA) Movistar 1:33 -
111 Guillaume Van Keirsbulck (BEL) Wanty - Groupe Gobert 1:34 -
112 Niklas Arndt (GER) Sunweb 1:34 -
113 Paul Martens (GER) Lotto NL - Jumbo 1:34 -
114 Amund Grøndahl Jansen (NOR) Lotto NL - Jumbo 1:34 -
115 Simon Geschke (GER) Sunweb 1:38 -
116 Dimitri Claeys (BEL) Cofidis 1:38 -
117 Elie Gesbert (FRA) Fortuneo - Oscaro 1:43 -
118 Michael Schär (SUI) BMC Racing Team 1:43 -
119 Jacopo Guarnieri (ITA) Groupama - FDJ 1:46 -
120 Gregor Mühlberger (AUT) Bora - Hansgrohe 1:46 -
121 Chad Haga (USA) Sunweb 1:46 -
122 Gianni Moscon (ITA) Sky Professional Cycling Team 1:54 -
123 Yves Lampaert (BEL) Quick Step Floors 1:55 -
124 Imanol Erviti Ollo (ESP) Movistar 2:08 B : 3''
125 Tony Martin (GER) Katusha - Alpecin 2:16 -
126 Pierre Latour (FRA) AG2R - La Mondiale 2:27 -
127 Alexis Vuillermoz (FRA) AG2R - La Mondiale 2:32 -
128 Thomas De Gendt (BEL) Lotto - Soudal 2:32 -
129 Sep Vanmarcke (BEL) EF Education First - Drapac 2:35 -
130 Daniel Felipe Martínez Poveda (COL) EF Education First - Drapac 2:35 -
131 Florian Vachon (FRA) Fortuneo - Oscaro 2:37 -
132 Michal Kwiatkowski (POL) Sky Professional Cycling Team 2:40 -
133 Stefan Küng (SUI) BMC Racing Team 2:40 -
134 Damien Gaudin (FRA) Direct Energie 2:40 -
135 Tom Jelte Slagter (NED) Dimension Data 2:40 -
136 Marc Soler Gimenez (ESP) Movistar 2:40 -
137 David Gaudu (FRA) Groupama - FDJ 2:40 -
138 Franco Pellizotti (ITA) Bahrain - Merida 2:40 B : 4''
139 Jesús Herrada Lopez (ESP) Cofidis 2:40 -
140 Rory Sutherland (AUS) UAE Team Emirates 2:40 -
141 Pawel Poljanski (POL) Bora - Hansgrohe 2:40 -
142 Tim Declercq (BEL) Quick Step Floors 2:40 -
143 Daniel Navarro García (ESP) Cofidis 2:40 -
144 Luke Rowe (GBR) Sky Professional Cycling Team 2:40 -
145 Anthony Perez (FRA) Cofidis 2:40 -
146 Patrick Bevin (NZL) BMC Racing Team 2:58 -
147 José Joaquin Rojas Gil (ESP) Movistar 3:00 -
148 Wout Poels (NED) Sky Professional Cycling Team 3:00 -
149 Ian Boswell (USA) Katusha - Alpecin 3:00 -
150 Silvan Dillier (SUI) AG2R - La Mondiale 3:04 -
151 Yoann Offredo (FRA) Wanty - Groupe Gobert 3:16 -
152 Luke Durbridge (AUS) Mitchelton - Scott 3:16 -
153 Damiano Caruso (ITA) BMC Racing Team 3:18 -
154 Jérôme Cousin (FRA) Direct Energie 3:18 B : 2''
155 Jack Bauer (NZL) Mitchelton - Scott 3:18 -
156 Tony Gallopin (FRA) AG2R - La Mondiale 3:18 -
157 Jasper De Buyst (BEL) Lotto - Soudal 3:18 -
158 Jelle Vanendert (BEL) Lotto - Soudal 3:18 -
159 Kévin Ledanois (FRA) Fortuneo - Oscaro 3:18 -
160 Tomasz Marczynski (POL) Lotto - Soudal 3:28 -
161 Niki Terpstra (NED) Quick Step Floors 3:52 -
162 Fabien Grellier (FRA) Direct Energie 4:19 B : 4''
163 Mathew Hayman (AUS) Mitchelton - Scott 4:20 -
164 Simon Gerrans (AUS) BMC Racing Team 4:20 -
165 Jay Robert Thomson (RSA) Dimension Data 4:20 -
166 Robert Gesink (NED) Lotto NL - Jumbo 4:20 -
167 Jesper Hansen (DEN) Astana 4:20 -
168 Damien Howson (AUS) Mitchelton - Scott 4:20 -
169 Michael Hepburn (AUS) Mitchelton - Scott 4:20 -
170 Arnaud Démare (FRA) Groupama - FDJ 6:35 -
171 Tobias Ludvigsson (SWE) Groupama - FDJ 6:39 -
172 Olivier Le Gac (FRA) Groupama - FDJ 6:39 -
173 Nicolas Jonathan Castroviejo (ESP) Sky Professional Cycling Team 8:04 -
174 Gregory Lawson Craddock (USA) EF Education First - Drapac 8:06 -

fonte: www.gli-sport.info

 

Add a comment

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

tour160714a

A volte si cercano gli aggettivi all'insegna del superlativo per descrivere un'impresa e invece, nel giorno della festa nazionale nazionale per la Francia nella quale era programmata una delle tappe più importanti del Tour 2016, la cronaca è sopraffatta dal grottesco e dall'inverosimile. Episodi assurdi, inaccettabili anche per una festa paesana. Figuriamoci per un evento sportivo che, fatta eccezione per le grandi manifestazioni con cadenza ogni quattro anni, rappresenta sicuramente uno dei più importanti, se non addirittura il più importante appuntamento sportivo dell'anno.
La maglia gialla che prosegue a piedi gli ultimi tratti di un finale che aveva già imposto - nonostante l'amputazione degli ultimi 6 chilometri - una chiara selezione e determinazione dei valori delle forze in campo, è quanto più di indecoroso e vergognoso possa macchiarsi un'organizzazione che sta dimostrando con cadenza regolare, grandi pecche. All'insegna di un'approssimazione e di una superficialità generale. Il crollo del gonfiabile indicante l'ultimo chilometro, qualche giorno fa, era già stato un chiaro segnale premonitore. Figurarsi se tali episodi si fossero verificati in una delle ormai residue corse di un giorno italiane, categoria 1.1, ancora presenti nel calendario internazionale. Nessuno avrebbe preso le difese di quegli organizzatori che pure, a fronte di grossi sacrifici personali, il più delle volte senza tutele e garanzie, cercano con il massimo impegno di garantire la sicurezza dei corridori, piuttosto che avventurarsi in onerose e sempre meno raggiungibili startlist di prestigio.
Appurata la necessità di dover rinunciare agli ultimi suggestivi 6000 metri di corsa, evidenziando tuttavia che un taglio simile avrebbe comunque proposto una competizione del tutto diversa, arricchita di un tratto nel quale più che le pendenze, sarebbe stato l'accumulo di fatica, oltre all'affrontare condizioni di carenza di ossigeno, a imporre una selezione maggiore e non certo indifferente, la situazione in corsa è stata davvero gestita con la massima improvvisazione. Transenne inesistenti; gendarmi, agenti e volontari a garantire quel legittimo varco di passaggio per la corsa, disposti con frequenze non costanti e piuttosto lontane. I corridori condizionati da regolamenti assurdi e poco tutelativi per loro stessi, costretti a subire le angherie e la voglia di conquistare le luci della ribalta del pubblico posto a bordo strada. Senza potersi concedere alla minima reazione, pur di tutelare comunque la propria incolumità. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e l'analisi della dodicesima tappa implica valutazioni che vanno al di là e sono del tutto avulse alla cronaca agonistica.
Si sarebbe dovuto parlare di un altro capolavoro del generosissimo Thomas De Gendt che, dopo aver trionfato al Giro 2012 in vetta allo Stelvio, è riuscito a mettere in bacheca un'altra perla preziosissima. Essendo riuscito a capitalizzare al meglio una lunga fuga partita da lontano, alla quale gli uomini di classifica hanno concesso nelle fasi iniziali troppa libertà. Tale da divenire poi “mission impossible”, l'eventuale annullamento della stessa. Le maggiori attenzioni erano comunque concentrate intorno agli ipotetici volti nobili di questo Tour. La frazione del Mont Ventoux avrebbe dovuto fare maggiore chiarezza nello stabilire la consistenza effettiva dei valori in campo. La prima parte di Tour aveva proposto un Christopher Froome molto generoso e spettacolare che però non era riuscito come nelle passate edizioni, a imporre una chiara e netta supremazia in salita. Con Nairo Quintana, un po' da tutti indicato come il suo avversario principale che, a fronte di un atteggiamento passivo e mai propositivo, era riuscito sempre a restargli a ruota quando la strada incominciava a pendere. Il Ventoux, posto tra l'altro alla vigilia di un'importante prova individuale contro il tempo, avrebbe dovuto non solo dare queste risposte, ma anche quantificarle in termini di secondi e di minuti. Circostanza quest'ultima, sulla quale la Giuria ha dovuto invece agire “a tavolino”. Correggendo un responso che gli incredibili episodi avevano reso aggravante soprattutto per chi, come Froome e Porte, dopo avere attaccato e ottenuto un vantaggio interessante, si vedevano costretti a subire ritardi a causa di un incidente del quale oltre a non avere nessuna colpa a riguardo, erano costretti a subire le conseguenze di un'organizzazione incapace di tutelare gli attori principali e di garantire il regolare svolgimento della corsa.
Il ritocco dei tempi e dei distacchi da parte della Giuria restituisce in parte la dignità a questi due grandi protagonisti, ma non certo il vantaggio che essi avrebbero potuto conseguire a condizioni normali. Ci sarà da valutare poi quanto l'incidente potrà influire a livello fisico e nervoso sia su Fromme che su Porte, senza dimenticare l'olandese Mollema, sull'importante appuntamento di domani. La crono individuale di 37,5 Km da Bourg-Saint-Andéol a La Caverne du Pont-d'Arc, nella quale è richiesta la massima concentrazione e dove i corridori sono chiamati a fornire la migliore prestazione per la quale è necessario essere supportati da condizioni psico-fisiche ottimali. Soprattutto per Porte, l'impatto con la moto è sembrato abbastanza violento, tale da lasciare (sperando di no, ovviamente) fastidiose ferite facciali. Quanto a Froome e Mollema, le immagini televisive non riescono a chiarire la dinamica della loro caduta e c'è solo da sperare che essa non abbia lasciato conseguenze nei confronti di questi due protagonisti. Comunque la si voglia girare, tutte queste circostanze fortuite, ma assolutamente evitabili con una più approfondita pianificazione di tutela (presente molto spesso invece in eventi RCS Sport, grazie anche al prezioso quanto sobrio intervento di schiere di volontari), incidono sul risultato sportivo. Un risultato che soprattutto per il Tour de France è stato troppo spesso ritoccato "a tavolino" negli ultimi 20 anni. Questo è bene ricordarlo. Non tanto per infierire sulla corsa a tappe più importante al mondo, quanto perché, se un evento vuole fregiarsi di tale titolo, deve assolutamente garantire uno svolgimento regolare. Al di là di quelli che possono essere i condizionamenti esterni, dei quali comunque, l'organizzazione non può ritenersi avulsa. Proviamo a ricordarli? Tour 1996, il vincitore Rijs coinvolto in confessioni esterne che indicano in tale circostanza, segnalazioni di soglie di valore di ematocrito abnormi. Le sette maglie gialle revocate ad Armstrong dal 1999 al 2006. L'edizione 2007 consegnata “a tavolino” allo spagnolo Oscar Pereiro, dopo la condanna per doping di Floyd Landis. Le squalifiche sub judice di Alberto Contador e Denis Menchov, estromessi entrambi dai primi due posti della classifica generale nell'edizione 2010, a vantaggio di Andy Schleck e Samuel Sanchez che in merito a tale sentenza vanno ad occupare le prime due posizioni della classifica generale.
Con una situazione pregressa così pesante, alla luce di quanto è successo sul Mont Ventoux e senza dimenticare altri incidenti grotteschi ma molto gravi di cui si è macchiato il Tour (l'investimento di Flecha e Hoogerland al Tour 2011, il pullman che nel 2013 resta incastrato in Corsica  sotto le transenne dell'arrivo, l'arco dell'ultimo chilometro che qualche giorno fa è caduto addosso ad Adam Yates, anche lui alla ricerca in quella circostanza, di acquisire secondi preziosi), diventa opportuna e prioritaria la valutazione di un eventuale ridimensionamento e soprattutto un rigido controllo esterno nei confronti di un'organizzazione che non è più in grado di gestire l'evento stesso, minandone sempre più la credibilità.

Add a comment

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nella decima frazione va via una fuga molto nutrita e con molti uomini di peso. Sagan con la sua determinazione e caparbietà riesce a scremare il gruppetto ma allo sprint si impone Matthews proprio sul campione del mondo.

Matthews: Voto 10
Molto bravo e freddo a non cedere alle sparate di Sagan rimanendo a ruota e freddandolo allo sprint. Molto brillante sull'ultima ascesa dimostrando una eccellente condizione.
FREDDO

Sagan: Voto 9.5
Come sempre regala spettacolo, attacca e porta via un gruppetto ridotto tra gli attaccanti con un'azione decisa da uomo da classiche del nord. Come al solito è generosissimo e regala spettacolo nobilitando tutte le gare a cui partecipa. Un po' nervoso nel finale ed è capibile per uno che si ritrova sempre ad essere il punto di riferimento.
VINCITORE MORALE

Van Avermaet: Voto 7
Un po' finito nel finale, rimane nel gruppetto di testa ma attende la volata pur sapendo che Matthews e Sagan sono più veloci di lui. Ci saremmo aspettati un attacco da parte sua ma Impey votato alla causa di Matthews non ha dato molte chances.
MAL DI GAMBE

Nibali: Voto 6
Unica nota positiva è quella di essere andato in fuga però lo ha fatto in una tappa poco adatta alle sue caratteristiche e con la compagnia troppo cattiva. Si lascia sorprendere nel momento in cui Sagan attacca, per un po' rimane a bagnomaria e poi deve desistere. Sinceramente ti vorremmo vedere in fuga nelle tappe con le salite vere.
FRASTORNATO

Add a comment
Radio Ciclismo Online
Non ci sono eventi per i prossimi giorni

logopciclismo2

PuntoCiclismo è un marchio PROMOITALIA, associazione no-profit di promozione sportiva e delle eccellenze Italiane 

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!