Vuelta 2018

 © PhotoGomezSport

Il tris di Viviani attenua le amarezze azzurre

Tra le tre Grandi Gare a tappe, sicuramente la Vuelta è quella che tra tutte fa il meno possibile per attirarsi le simpatie dei velocisti.

 © PhotoGomezSport

Yates, Mas e Lopez, la Vuelta sorride ai giovani

L’urlo del giovane Enric Mas dopo aver tagliato vincitore il traguardo di Coll de la Gallina-Santuario de Canolich, racchiude la sintesi di una corsa che, regalando ogni giorno spunti interessanti, ha dovuto poi attendere l’ultima frazione di montagna - la penultima in linea dell’edizione 2018 - per stilare una classifica generale che oltre che definita, assume adesso ben distintamente, nei valori dei distacchi, le forze in campo che si sono fronteggiate dallo scorso 25 agosto fino ad oggi.

Suona tardi la sveglia per Sagan e Viviani

Può capitare a volte, che il gruppo inseguitore si addormenti, oppure che sbagli di pochi secondi i calcoli sulle tempistiche necessarie per completare l’inseguimento. Comunque la si voglia interpretare, la tappa numero 18 della Vuelta, che avrebbe dovuto rappresentare per le ruote veloci la penultima opportunità da sfruttare prima dell’apoteosi di domenica prossima a Madrid, deve essere invece archiviata come un’occasione sfumata per i vari Sagan, Viviani e Nizzolo.

Yates sferra il colpo del ko nel giorno di Thibaut Pinot

Dopo tanta incertezza, va delineandosi, alla fine, la figura di chi può degnamente portarsi a casa l’edizione 2018 della Vuelta.
Puntuale come un orologio svizzero, il leader Simon Yates dimostra di essere giunto alla terza settimana col piglio giusto. Il piglio di chi ha saputo serbare energie, pur indossando nei giorni passati, più di ogni altro, il simbolo del primato.

Vuelta: il cerchio si stringe

Nell’infinita successione di arrivi in salita, alla Vuelta si va piano, piano, delineando una classifica generale che sia pure a piccole dosi, fa emergere gli effettivi valori delle forze in campo. La tappa numero 17, da Getxo a Balcón de Bizkaia, con i suoi 157 km, caratterizzata da un arrivo particolarmente duro e selettivo, possedeva tutti i presupposti per delineare e rimarcare le maggiori differenze tra i vari contendenti.