Liegi-Bastogne-Liegi

Liegi-Bastogne-Liegi: Roglic brucia lo stanco e scorretto Alaphilippe

Liegi-Bastogne-Liegi: Roglic brucia lo stanco e scorretto Alaphilippe

Il campione del mondo sbaglia tutto nei metri finali: prima cambia traiettoria durante la volata, ostacolando Hirschi e Pogacar, poi festeggia prima del tempo e viene bruciato sotto lo striscione dallo sloveno. Oltre alla beffa anche la retrocessione al quinto posto.

Liegi-Bastogne-Liegi 2018: ordine d'arrivo

 domenica 22 aprile

 - Liege-Bastogne-Liege  258,5 km -  

Ordine d'arrivo:

1 Bob Jungels (LUX) Quick Step Floors 6:24:44
2 Michael Woods (CAN) EF Education First - Drapac 0:37
3 Romain Bardet (FRA) AG2R - La Mondiale 0:37
4 Julian Alaphilippe (FRA) Quick Step Floors 0:39
5 Domenico Pozzovivo (ITA) Bahrain - Merida 0:39
6 Enrico Gasparotto (ITA) Bahrain - Merida 0:39
7 Davide Formolo (ITA) Bora - Hansgrohe 0:39
8 Roman Kreuziger (CZE) Mitchelton - Scott 0:39
9 Sergio Luis Henao Montoya (COL) Sky Professional Cycling Team 0:39
10 Jakob Fuglsang (DEN) Astana 0:39
11 Jelle Vanendert (BEL) Lotto - Soudal 0:45
12 Sam Oomen (NED) Sunweb 0:48
13 Alejandro Valverde Belmonte (ESP) Movistar 0:51
14 Jack Haig (AUS) Mitchelton - Scott 1:06
15 Tom Dumoulin (NED) Sunweb 1:24
16 Tim Wellens (BEL) Lotto - Soudal 1:44
17 Jesús Herrada Lopez (ESP) Cofidis 2:08
18 Daniel Martin (IRL) UAE Team Emirates 2:41
19 Michael Valgren Andersen (DEN) Astana 2:50
20 Dylan Theuns (BEL) BMC Racing Team 2:53
21 Maurits Lammertink (NED) Katusha - Alpecin 2:56
22 Rui Alberto Faria da Costa (POR) UAE Team Emirates 2:56
23 Tiesj Benoot (BEL) Lotto - Soudal 3:07
24 Robert Gesink (NED) Lotto NL - Jumbo 3:07
25 Bauke Mollema (NED) Trek - Segafredo 3:07
26 Rudy Molard (FRA) Groupama - FDJ 3:07
27 Patrick Konrad (AUT) Bora - Hansgrohe 3:07
28 Diego Ulissi (ITA) UAE Team Emirates 3:07
29 Michal Kwiatkowski (POL) Sky Professional Cycling Team 3:07
30 Tom Jelte Slagter (NED) Dimension Data 3:07
31 Philippe Gilbert (BEL) Quick Step Floors 3:07
32 Vincenzo Nibali (ITA) Bahrain - Merida 3:07
33 Guillaume Martin (FRA) Wanty - Groupe Gobert 3:07
34 Serge Pauwels (BEL) Dimension Data 3:07
35 Maximilian Schachmann (GER) Quick Step Floors 3:07
36 Anthony Roux (FRA) Groupama - FDJ 3:07
37 Damiano Caruso (ITA) BMC Racing Team 3:07
38 Xandro Meurisse (BEL) Wanty - Groupe Gobert 3:07
39 Alessandro De Marchi (ITA) BMC Racing Team 3:07
40 Pieter Serry (BEL) Quick Step Floors 3:07
41 Tanel Kangert (EST) Astana 3:07
42 Mikel Nieve Iturralde (ESP) Mitchelton - Scott 3:07
43 Jay McCarthy (AUS) Bora - Hansgrohe 3:07
44 Omar Fraile Matarranz (ESP) Astana 3:07
45 Ilnur Zakarin (RUS) Katusha - Alpecin 3:15
46 José Herrada Lopez (ESP) Cofidis 3:17
47 Daryl Impey (RSA) Mitchelton - Scott 3:17
48 Axel Domont (FRA) AG2R - La Mondiale 3:18
49 Mickaël Chérel (FRA) AG2R - La Mondiale 3:18
50 Robert Kiserlovski (CRO) Katusha - Alpecin 3:22
51 Pierre Rolland (FRA) EF Education First - Drapac 3:22
52 Lilian Calmejane (FRA) Direct Energie 3:22
53 Warren Barguil (FRA) Fortuneo - Oscaro 3:24
54 Rigoberto Uran Uran (COL) EF Education First - Drapac 3:25
55 Tsgabu Gebremaryam Grmay (ETH) Trek - Segafredo 3:34
56 Geraint Howell Thomas (WAL) Sky Professional Cycling Team 3:37
57 Rafal Majka (POL) Bora - Hansgrohe 3:42
58 Davide Villella (ITA) Astana 4:01
59 Mikel Landa Meana (ESP) Movistar 5:25
60 Carlos Alberto Betancur Gómez (COL) Movistar 5:25
61 Daniel Felipe Martínez Poveda (COL) EF Education First - Drapac 6:00
62 Michael Gogl (AUT) Trek - Segafredo 8:50
63 Michael Matthews (AUS) Sunweb 9:08
64 José Joaquin Rojas Gil (ESP) Movistar 9:17
65 Ian Boswell (USA) Katusha - Alpecin 9:18
66 Lawrence Warbasse (USA) Aqua Blue Sport 9:18
67 Nicolas Edet (FRA) Cofidis 9:18
68 Simon Geschke (GER) Sunweb 9:24
69 Alex Howes (USA) EF Education First - Drapac 10:11
70 Anthony Perez (FRA) Cofidis 10:11
71 Mark Christian (GBR) Aqua Blue Sport 10:11
72 Tomasz Marczynski (POL) Lotto - Soudal 10:11
73 Paul Ourselin (FRA) Direct Energie 10:11
74 Natnael Teweldemedhin Berhane (ERI) Dimension Data 10:11
75 Bjorg Lambrecht (BEL) Lotto - Soudal 10:11
76 Kevin Deltombe (BEL) Sport Vlaanderen - Baloise 10:11
77 Simon Gerrans (AUS) BMC Racing Team 10:11
78 Paul Martens (GER) Lotto NL - Jumbo 10:11
79 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 10:11
80 Carlos Verona Quintanilla (ESP) Mitchelton - Scott 10:11
81 Enric Mas Nicolau (ESP) Quick Step Floors 10:11
82 Stephen Cummings (GBR) Dimension Data 10:11
83 Jérôme Baugnies (BEL) Wanty - Groupe Gobert 10:11
84 Cesare Benedetti (ITA) Bora - Hansgrohe 11:36
85 David Gaudu (FRA) Groupama - FDJ 11:43
86 Preben Van Hecke (BEL) Sport Vlaanderen - Baloise 12:03
87 Dimitri Peyskens (BEL) WB Aqua Protect - Veranclassic 12:03
88 Toms Skujins (LAT) Trek - Segafredo 12:03
89 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team 12:03
90 Benjamin King (USA) Dimension Data 12:03
91 Elie Gesbert (FRA) Fortuneo - Oscaro 12:03
92 Romain Hardy (FRA) Fortuneo - Oscaro 12:03
93 Thomas Degand (BEL) Wanty - Groupe Gobert 12:03
94 Cyril Gautier (FRA) AG2R - La Mondiale 12:03
95 Bram Tankink (NED) Lotto NL - Jumbo 12:03
96 Dario Cataldo (ITA) Astana 12:03
97 Giovanni Visconti (ITA) Bahrain - Merida 12:03
98 Gorka Izagirre Insausti (ESP) Bahrain - Merida 12:03
99 Amaël Moinard (FRA) Fortuneo - Oscaro 12:03
100 Christopher Juul-Jensen (DEN) Mitchelton - Scott 12:03
101 Jon Izagirre Insausti (ESP) Bahrain - Merida 12:47
102 Tao Geoghegan-Hart (GBR) Sky Professional Cycling Team 14:06
103 Gregor Mühlberger (AUT) Bora - Hansgrohe 14:06
104 Chad Haga (USA) Sunweb 14:32
105 Chris Hamilton (AUS) Sunweb 14:32
106 Edward Dunbar (IRL) Aqua Blue Sport 14:32
107 Andrey Amador Bipkazacova (CRC) Movistar 14:32
108 Manuele Mori (ITA) UAE Team Emirates 15:48
109 Gregory Lawson Craddock (USA) EF Education First - Drapac 15:48
110 Pavel Kochetkov (RUS) Katusha - Alpecin 15:48
111 Benjamin Declercq (BEL) Sport Vlaanderen - Baloise 15:48
112 Marco Minnaard (NED) Wanty - Groupe Gobert 15:48
113 Julien Bernard (FRA) Trek - Segafredo 15:48
114 Fabien Grellier (FRA) Direct Energie 15:48
115 Fabien Doubey (FRA) Wanty - Groupe Gobert 15:48
116 Romain Seigle (FRA) Groupama - FDJ 15:48
117 Wout Poels (NED) Sky Professional Cycling Team 15:48
118 Thomas Sprengers (BEL) Sport Vlaanderen - Baloise 15:48
119 Benoît Vaugrenard (FRA) Groupama - FDJ 15:48
120 Tosh Van Der Sande (BEL) Lotto - Soudal 16:35
121 Luis Angel Maté Mardones (ESP) Cofidis 18:05
122 Aliaksandr Riabushenko (BLR) UAE Team Emirates 18:06
123 Vasil Kiryienka (BLR) Sky Professional Cycling Team 18:06
124 Rory Sutherland (AUS) UAE Team Emirates 18:15
125 Winner Andrew Anacona Gomez (COL) Movistar 18:15
126 Imanol Erviti Ollo (ESP) Movistar 18:15
127 Reto Hollenstein (SUI) Katusha - Alpecin 18:15
128 Aaron Gate (NZL) Aqua Blue Sport 18:15
129 Valentin Madouas (FRA) Groupama - FDJ 18:15
130 Justin Jules (FRA) WB Aqua Protect - Veranclassic 18:15
131 Hugo Houle (CAN) Astana 18:15
132 Dion Smith (NZL) Wanty - Groupe Gobert 18:15

fonte: www.gli-sport.info

 

Bob Jungels: il colpo perfetto

[caption id="attachment_10557" align="aligncenter" width="800"] Foto ASO Karenne Edwards[/caption]

Ormai è noto. Con l’arrivo impegnativo nel quartiere di Hans, la Liegi-Bastogne-Liegi è diventata con gli anni una lunga marcia di avvicinamento verso la di Côte de Saint-Nicolas. L’ultima asperità che immette al sobborgo della città francofona, capoluogo della Vallonia, con un alto indice di presenza di immigrati italiani. Le asperità di un tempo, quelle che hanno deciso la “classica monumento” fino all’inizio degli anni ‘90 - la Redoute in primis - hanno piano, piano, perso l’importanza strategica. Alla fine resta la realtà che comunque, la lunghezza e la difficoltà del percorso riescono a creare la giusta selezione per offrire un nome di spicco a un albo d’oro antico (da qui l’attributo di “Doyenne”) e prestigioso. Una cernita che matura in extremis, rischiando di rendere la corsa piuttosto monotona e scarna fino agli ultimi chilometri.
Argomenti che forse non interessano più di tanto a coloro che vivono la prova alla guida dell’ammiraglia, intenti a sviluppare mansioni tattiche con l’intento di ottimizzare e centrare magari, il risultato pieno. Non interessano a livello di spettacolarità agonistica, ma non certo in chiave interpretativa. Questo perché, nell’edizione 2018 della più importante classica delle Ardenne, Bramati & C., strateghi del team Quick Step Floors, formazione che sempre è stata capace di contraddistinguersi con bottini di alto profilo quantitativo e qualitativo e che sta raccogliendo anche in questo 2018 risultati eccezionali, hanno cercato, sia pure di poco, di anticipare i tempi d’intervento. Tentando con una mossa abbastanza sorprendente, di giocare attraverso due differenti strategie. Giocando prima la carta di un atleta completo in odore di consacrazione qual è appunto il lussemburghese Bob Jungels, e rimandando le chanches del super favorito e vincitore giovedì scorso della Freccia Vallone, Julian Alaphilippe. Coinvolgendolo nel corso della prima azione, a svolgere il ruolo di stopper.
Un piano perfetto che, risultati alla mano, ha dimostrato un’ efficacia straordinaria. Il giovane talento della formazione belga è uscito allo scoperto nel corso dell’ascesa verso la Roche aux Faucons, a poco più di 20 Km dal traguardo. Con il suo tentativo Jungels ha inteso rilanciare un altro attacco portato precedentemente dal compagno di squadra Philippe Gilbert, appena intrapresa questa asperità. Il forcing del lussemburghese ha evidenziato la giornata non eccezionale di Vincenzo Nibali che non è riuscito a tenere le ruote degli immediati inseguitori. Più brillanti del campione siciliano si sono dimostrati Michael Woods e Jakob Fuglsang. Capaci in un primo momento di accodarsi alle ruote dell’attaccante. Un attaccante che ha dato subito l’idea di viaggiare spedito verso il traguardo di Hans. Jungels è riuscito in breve tempo a lasciare i compagni di avventura e riprendere il colombiano Sergio Henao, per pochi attimi leader parziale della corsa, dopo aver ripreso e staccato il primo attaccante Gilbert. Il tempo di affiancare e rilanciare l’azione ed ecco Jungels presentarsi da solo ai piedi dell’ultima difficoltà di giornata (Côte de Saint-Nicolas), con circa 50 secondi di vantaggio sul gruppetto degli immediati inseguitori dal quale riescono a prendere il largo il belga Vanendert prima, e la coppia Bardet e Woods poi. Il vantaggio del battistrada sembra in un primo tempo scemare ma poi alla fine, il controllo tra gli inseguitori e le energie che vanno riducendosi al lumicino, complice anche la giornata di eccessiva calura primaverile, consegnano a Bob Jungels l’affermazione più importante della sua carriera. Dopo aver assaporato sia pure parzialmente per qualche giorno la maglia rosa, dopo essersi aggiudicato la maglia bianca riservata al miglior giovane al Giro dello scorso anno, il campione del Lussemburgo può vantare a pieno titolo una crescita continua e progressiva. Segnalandosi come un corridore completo come pochi. Capace di ottime performance contro il tempo, di esibire un passo importante sulle salite e continuità di rendimento nelle lunghe gare a tappe. Oltre a distinguersi per uno spunto veloce interessante. Come seppe esibire sempre sulle strade del Giro, lo scorso anno, nella tappa con arrivo a Bergamo. Dopo i meriti conosciuti legittimamente al vincitore, l’argomento non può che tornare all’ammiraglia di un team che riesce, soprattutto a primavera, a centrare tanti e importanti obiettivi. Un mix di qualità e di professionalità di altissimo livello: capitale umano, organizzazione, spirito di squadra e competenza.

Ordine d'arrivo:

1 Bob Jungels (LUX) Quick Step Floors 6:24:44
2 Michael Woods (CAN) EF Education First - Drapac 0:37
3 Romain Bardet (FRA) AG2R - La Mondiale 0:37
4 Julian Alaphilippe (FRA) Quick Step Floors 0:39
5 Domenico Pozzovivo (ITA) Bahrain - Merida 0:39
6 Enrico Gasparotto (ITA) Bahrain - Merida 0:39
7 Davide Formolo (ITA) Bora - Hansgrohe 0:39
8 Roman Kreuziger (CZE) Mitchelton - Scott 0:39
9 Sergio Luis Henao Montoya (COL) Sky Professional Cycling Team 0:39
10 Jakob Fuglsang (DEN) Astana 0:39

l'ordine d'arrivo completo